IL WHISKY

Forse il distillato più famoso al mondo. Ricco di varietà e ricette di produzione.

LE VARIETA'

Cerchiamo non solo Burbon e Scotch ma anche altre varietà.

LE NOSTRE SCELTE

Un viaggio tra le nostre scelte in giro per il mondo.

Il Whisky nelle varie parti del mondo

 Il Whisky, la cui origine e paternità è ancor oggi tema di discussione, è in disputa tra Gli Scozzesi e gli Irlandesi.
Si ottiene dalla sapiente miscela di diversi cereali come segale, grano, mais e orzo. Quest’ultimo può essere o non essere sottoposto a maltatura.
La parte importante della preparazione di ogni whisky è l’acqua sorgiva e i lieviti impiegati nel processo di macerazione e fermentazione.
Vi è poi la ricetta di miscela dei vari cereali che ne darà la caratterizzazione del distillato finale.

A distillazione avvenuta, il Whisky viene posto rigorosamente in botti di rovere anch’esse invecchiate fino a 100 anni e lasciato per un periodo di almeno 2 anni, sino a più di 20.

Una parte del Whisky contenuto nelle botti, evapora a favore di una maggiore qualità. Questa perdita viene definita “la quota degli Angeli” e può raggiungere sino al 12-15%.
Ogni botte poi ha un gusto ed un olfatto diverso dalle altre. Qui la grande esperienza e maestria dei mastri distillatori, che miscelano il contenuto delle varie botti per ottenere un whisky di qualità eccezionale.

I paesi tradizionalmente famosi e grandi produttori di whisky sono la Scozia, l’Irlanda e gli Stati uniti con Kentucky e Tennesse in testa.

Nel corso degli anni, anche altri paesi hanno inziato la produzione di whisky come Australia, Giappone, Sudafrica e Canada.

I nostri interessi si sono spostati in questi Stati proprio al fine di trovare prodotti esclusivi e con qualità eccelse.

Le Varietà di Whisky nel mondo

I tipi di whisky si differenziano principalmente a seconda della zona di produzione. Esistono quindi :

  • Lo Scotch Whisky
  • Il Whisky Irlandese
  • Il whisky Americano
  • Il Tennessee Whisky
  • Il Canadian Whisky

Per quanto riguarda lo Scotch Whisky abbiamo:
il whisky di malto (Malt Whisky), prodotto unicamente con orzo maltato da alambicco a fuoco diretto.
il whisky di cereali (Grain Whisky), prodotto con granturco e orzo maltato mischiato con orzo non maltato. Gli ingredienti, oltre alle miscele di cereali, sono l’acqua sorgiva e la torba, che è l’elemento caratterizzante dei malt whisky.

Blended. I blended whisky sono una miscela di whisky con varietà diverse di malto e di grano.

Double Malt. Miscela composta da due single malt, con caratteristiche geografiche molto differenti.
Grain Whisky. Viene utilizzata per produrre i blended e raramente imbottigliata per il consumo.
Single Barrel. I Single Barrel (o Single cask) sono provenienti da una singola distillazione e da una singola botte.
Single Malt. Prodotti da una unica distilleria e con una sola qualità di malto. Vengono miscelate diverse botti per ottenere il prodotto finito.
Whiskey irlandese.Non molto differente dal Whisky scozzese ma con metodi di produzione leggermente diversi.
Whiskey americano Bourbon. Ottenuto con una miscela di cereali con una parte importante di mais che va dal 51% fino all’80%.
Tennessee whiskey. Simile al bourbon, ma con un disciplinare (Lincoln County process) che obbliga la filtrazione utilizzando carbone d’acero.
Canadian whisky (Rye). Conosciuto come whisky di segale (rye whisky) combina la dolcezza del bourbon e note speziate e amarognole.

Le nostre scelte in giro per il mondo

Abbiamo selezionato tre zone di produzione di Whisky alternative a quelle tradizionali. La ricerca è di scoprire quei sapori e profumi  di terre a noi molto lontane.

Il posto più particolare per il whisky Australiano è la Tasmania.

In Tasmania i ritmi della vita sono quelli naturali. La grande abbondanza di acqua dolce e pulita, unita alla coltivazione locale dei cereali e soprattutto dell’orzo, ne fanno un posto dove tutto viene lasciato al suo “ritmo naturale”.

La produzione è tipicamente di Whisky Single Malt.